Come saprai tra meridionali e milanesi non corre ottimo sangue.

Ma quando il sangue in questione è quello di una bistecca di scottona locale frollata almeno 30 giorni allora siamo tutti d’accordo.

Posso dire che grazie alla mia carne sono riuscito in un’impresa che normalmente è consentita solo alle più belle femmine della mia terra: trasformare un milanese in siciliano.
Per le donne è facile, basta che se lo sposano, io invece l’ho dovuto conquistare con i profumi, con i sapori.

Questo milanese di cui ti parlo è stato costretto a venire a lavorare nella nostra isola, proprio come in quel film con Claudio Bisio. Non gli piaceva. E, cosa ancora più assurda, non gli piacevano neanche i nostri sapori famosi in tutto il mondo. Questi milanesi sono proprio strani.

Sta di fatto che è entrato nella mia macelleria sfidandomi sulla carne: “Voi non ce l’avete le fiorentine, non sapete frollare la carne”.

Ascoltate queste parole il mio sorriso si fece grande, immenso. Gli sbatto sul bancone una T-Bone della mia personale selezione e gli dico: “Prova questa”.

Come è andata a finire? Dovevo mettergli da parte la carne solo per lui… e dopo che è andato in pensione ha deciso di trasferirsi in Sicilia.

Vuoi scoprire di più sulla sua storia? Leggi “Tagliato per la carne” e scopri i miei segreti.

Share This